Chatting with Marco Maggi
Stefano Pasquini

 

you there?
brutally!
ok, marcomaggi, what's this site you're setting up?
a pain in the neck of three years of work!
so where did you begin?
at my dentist's office: I walked out after a filling and thought it was a good opportunity to go visit a friend who had just moved his printing office to a new address. I think i was feeling really handsome that day, everything was great...
but was the dentist a woman?
no, she wasn't there that day, but when I walked into the printing office, I had a sudden flash and I understood that all those years I'd spent saving light concepts on loose sheets of paper had found their raison d'Ítre: I could reproduce those concepts in print and reach a lot of people
selling them in a global market?
unfortunately, yes. although without any filter, instead one picture for one house it involved selling hundreds to hundreds of houses. although personally I don't believe in the money market that buys merchandise
but what kind of message do you want to send to the world market?
the one that everyone is basically ready to piss on it. we can't wait
ok, you were at the dentist and then at the printing office... how did you end up online from there?
I thought that prints and the internet could be the ideal way to piss on art galleries. why? because in my flawed mind they seemed guilty of high treason when it comes to art. it's true, but tell us what concepts we're talking about... they're things I call thought stimulators, simple liberating concepts
but don't you think that all art, even the worst, stimulates thought?
yes, but unfortunately this thought is often the victim of a constipated existential onanism. each artist invents her or his original and captivating way of representing his or her own world and then starts to show it to a few gallery owners. but she or he often ends up forgetting that he/she isn't an artist, that the gallery owners she/he's dealing with are pimps and that the art they handle is just a huge vacuum. but I think that with respect to most artists, you question yourself much more on their utility in relation to your work ... I think that the utility, the meaning of what we do, is the sole core of artistic expression, the true artistic action, an action that I have been delighted to find for example among some of the artists I saw on edge...
but Ithink your approach is much more pragmatic... I mean, your site was not created simply out of the desire to make people think but also to sell your works and get them distributed
I could also have started selling pizza by the slice. after all, making prints is just another job. globalised in any case. I'm talking about planes that fly, vans that drive and trees that fall
so how did you come up with the idea of making prints?
I mean: from advertising graphics artist to web artist... the changeover occurred without any rhyme or reason to it: my mind was concentrated on work, on doing this and that, while life simply went its own way, didn't give a damn about anything else and collected papers life is like a digestif: first you drink it and then you fart I find our mind so tiny and ridiculous in its attempt to control life, the stories that take place, that it seems unwilling to realise that it has lost from the outset. if our mind takes the situation in hand, the outcome is always a disaster. I see the human race as an anthill of minds attempting in vain to control their own lives and those of others I feel as if you're a guru who's hypnotising me I'm that too. my site is magic. because abandoning yourself to an idea is an act of magic
but how to you manage to stay so optimistic?
perhaps because on our planet, in our day and age, you start with a situation of social death that pervades the individual deep within. since we've got nothing to lose, it isn't worthwhile to be afraid to follow what moves inside you. even though this isn't very easy. at least not for me this is true my prints serve only to remember that there are things that seem useless that are much more important than anything else in the world. more important than your job, your home, your fiance. these things obviously can't be bought with the prints, but they can be chosen by exhibiting them
but is there a catalogue for choosing them?
in a certain sense there's a theme catalogue, a memo on certain aspects of life that practically all of us confront every day. in this sense, purchasing them is a psychomagical deed that says to us: hey, we're better than these mere trifles!
a mail-order catalogue of spiritual illumination!
you buy a print and you receive it at home with all its meaning still intact, it has gotten past critics and the gallery. and so you take it, you hang it on the wall and from that day on, this print speaks to you from that wall and says: hey, you're better than these mere trifles! at that point, as if by magic life starts to change because you have changed: you're doing the deed and this deed is transforming reality. you start giving less importance to all the rest and you let the idea guide you. and the idea will multiply
beautiful - what an idealist
i think that when you let colour speak, everything else dissolves and disappears.
why did you pick orange to predominate on your site?
all the pages that are online now are orange! yes, I know. I chose it three years ago together with the colour of my imac. I chose it without thinking twice about it. a few months later, I went to read what orange transmits and i discovered that it transmits exactly what I wanted to impart through this production. so what do I care if everyone is using orange now? what does orange transmit?
I don't remember anymore. but what counts is that it transmits exactly what I wanted
but what is really important?
it's important to know that there's a place inside us where things are stirred profoundly and it's important to know that this place can be reached and experienced by each of us. all the rest is bullshit
what's more important, winning the championship or karl marx?
I think we're done.
I'd say everything's perfect.
wow!
but do you prefer english or strawberries?
when will we edit this?

 

ci sei?
di brutto!
allora, marcomaggi, cos'e' questo sito che stai mettendo su?
e' una menata di tre anni di lavoro!
racconta, da dove sei partito?
dal mio dentista. ero uscito da li' dopo una carie e pensai che era l'occasione buona per andare a trovare un amico che aveva appena trasferito la stamperia ad un nuovo indirizzo. penso che in quei giorni mi sentissi molto bello, a posto...
ma era un dentista femmina?
no, lei non c'era quel giorno, comunque quando entrai in stamperia ebbi una specie di illuminazione e capii che tutti quegli anni trascorsi a conservare concetti leggeri su carta volante avevano trovato la loro ragion d'essere: potevo riprodurre i concetti in stampe e raggiungere quante piu' persone
erano da vendere su un mercato globale?
purtroppo si, anche se senza filtro alcuno, si tratta di vendere, al posto di un quadro in una casa, centinaia di stampe in centinaia di case. anche se personalmente non credo affatto nel mercato del denaro che compra la merce
ma che tipo di messaggio vuoi far entrare nel mercato globale?
quello che in fondo siamo tutti pronti a pisciarci sopra. non ne vediamo l'ora. bene, eri dal dentista, poi in stamperia..
.
da li' ad arrivare in rete?
pensai che stampe e internet potessero essere l'ideale per pisciare un po' sopra alle gallerie d'arte perche'? perche' nella mia testa tarata mi sembrano colpevoli di alto tradimento dell'arte e' vero, ma spiegaci un po' di che concetti stiamo parlando... sono cose che io chiamo stimoli al pensiero, semplici concetti liberatori
ma non credi che tutta l'arte, anche la peggiore, sia uno stimolo di pensiero?
si. ma purtroppo questo pensiero resta spesso vittima di uno sterile onanismo esistenziale. ogni artista si inventa il suo modo originale ed accattivante di rappresentare il proprio mondo e comincia a mostrarlo ad un po' di galleristi. spesso pero' finisce per dimenticarsi che lui non e' un artista, che i galleristi con cui ha a che fare sono dei papponi, e che l'arte che maneggiano e' solo un grande vuoto mi sembra pero' che rispetto alla gran parte degli artisti tu ti chieda molto piu' spesso di loro sull'utilita' del tuo fare... penso che l'utilita', il senso del nostro fare, sia l'unico centro dell'espressione artistica, il vero atto artistico, un atto che mi fa molto piacere trovare per esempio su alcuni degli artisti che ho visto su edge...
il tuo approccio pero' mi sembra molto piu' pragmatico... voglio dire, il tuo sito non nasce solo dal desiderio di far pensare la gente, ma anche di vendere i tuoi lavori, vederli distribuiti
avrei potuto anche mettere su una vendita di pizza al taglio. insomma fare stampe e' un mestiere come un altro. comunque globalizzato. intendo dire aerei che volano, furgoni che corrono e alberi che cadono
allora, come ti e' venuta l'idea di fare stampe?
dico: da grafico pubblicitario sei passato ad essere artista su internet... il passaggio e' avvenuto senza nulla di razionale. la mia mente pensava al lavoro, a fare questo e quello, mentre la vita invece se ne andava per i fatti suoi, se ne fotteva di tutto il resto, e raccoglieva carta la vita e' un po' come un digestivo: prima lo bevi, poi scoreggi trovo la nostra mente cosi' ridicola nel suo tentare di controllare la vita, le storie che succedono. sembra non voglia accorgersi di aver perso in partenza. voglio dire: se la mente prende in mano una situazione succede per forza di cose un disastro. la razza umana e' un vermicaio di menti che tentano invano di controllare la propria vita e quella degli altri mi sembra che tu sia un santone che mi sta ipnotizzando sono anche questo. e il mio sito e' magico. perche' l'atto dell'abbandono all'idea e' un atto magico
ma come fai a mantenere tutto questo ottimismo?
forse perche' sul nostro pianeta, nei nostri giorni, si parte da una situazione di morte sociale che pervade l'individuo nel profondo. in una situazione simile, perso per perso, non vale proprio la pena di aver paura a seguire quello che ti si muove da dentro. anche se non e' molto facile. almeno per me questo e' vero le mie stampe servono anche a ricordarci che ci sono cose all'apparenza futili che sono molto piu' importanti di qualsiasi altra cosa al mondo. piu' importanti del proprio lavoro, della propria casa, del proprio fidanzato. queste cose non si acquistano certo con le stampe, ma le si possono scegliere, per se stessi, attraverso l'atto dell'esposizione
ma c'e' un catalogo per scegliere queste cose?
in un certo senso c'e' un catalogo tematico, una serie di promemoria su determinati aspetti della vita con cui ci confrontiamo quotidianamente, piu' o meno tutti. in questo senso il loro acquisto e' un atto psicomagico che ci dice: hey, noi siamo meglio di questa pochezza che abbiamo attorno!
un postalmarket dell'illuminazione spirituale!
esatto! tu compri una stampa e questa ti arriva a casa con ancora tutto il suo senso intatto. ha scavalcato critica e galleria. allora tu la prendi, l'appendi al muro, e da quel giorno questa stampa ti parla da quel muro e ti dice: hey, tu sei meglio di questa pochezza che hai attorno! a quel punto la vita, per magia, comincia a cambiare perche' tu sei cambiato: stai compiendo l'atto e quest'atto trasforma la realta'. cosi' cominci a dare meno peso a tutto il resto e lasci che l'idea sia la guida. e l'idea portera' ancora idea...
che bello, che idealista
credo che a lasciar parlare il colore tutto il resto si sciolga e scompaia

come mai la scelta dell'arancione imperante del tuo sito? tutte le pagine che adesso sono online sono arancioni!
si lo so. io lo scelsi tre anni fa insieme al colore del mio imac. l'ho scelto senza pensarci affatto. qualche mese dopo sono andato a leggere cosa trasmette l'arancione ed ho scoperto che trasmette esattamente quello che voglio trasmettere con questa produzione. cosi' che mi frega a me se tutti usano l'arancione adesso
cosa trasmette l'arancione?
non me lo ricordo piu'. ma la cosa che conta e' che trasmette esattamente quello
ma cosa importa davvero?
importa sapere che c'e' un posto dentro di noi dove le cose girano nel profondo ed importa sapere che questo posto puo' essere raggiunto e vissuto da ognuno di noi. il resto sono stronzate
e' piu' importante vincere il campionato o karl marx?
mi sa che siamo a posto cosi'
direi che e' tutto perfetto
wow!
ma tu preferisci l'inglese o le fragole?
quando facciamo la revisione?